Cos’è un STP (Straight Through Processing)

Trattando sul Forex avrete certamente già letto o sentito parlare del termine STP. Ma cosa significa esattamente questo termine? È la domanda alla quale cerchiamo di rispondere con questo articolo

Prima di interessarci più da vicino all’STP stesso, è bene fare un breve riferimento alla definizione dei broker. In qualche modo un broker rappresenta un’istituzione che si pone come intermediario tra il trader e il mercato delle valute. È grazie ai broker che è possibile per dei privati speculare sul mercato dei cambi. Beninteso questi organismi guadagnano prelevando una parte più o meno importante della nostra posta di partenza. Questa parte corrisponde generalmente soltanto a qualche pip e varia ovviamente da un broker all’altro. É quello che viene definito lo spread. In tutti i casi, che la nostra transazione ci faccia perdere o guadagnare del denaro, il broker guadagna su di essa in maniera sistematica.

È questo metodo di funzionamento legato alla remunerazione del broker che viene chiamato STP ovvero lo Straight Through Processing.

Sfortunatamente le notizie dal Forex ci hanno dimostrato recentemente che non tutti i broker sono onesti e che questo processo non viene sempre seguito alla lettera.

In effetti, in quanto broker, questi intermediari sono essi stessi molto competenti quando si tratta di fare della speculazione e quelli  meno scrupolosi sfruttano questi vantaggi per intascare più denaro possibile.

Esistono per questo diversi metodi. Il più diffuso consiste nel giocare contro il cliente. Cioè non mettere in gioco realmente la posta del cliente del trader su un’operazione che il broker sa per esperienza essere persa in partenza. Procedendo così, il broker intasca non soltanto lo spread ma anche la somma di denaro messa in gioco dal cliente. È quello che viene chiamato “hedge”.

L’STP è quindi un processo che tende a controllare questo tipo di malversazioni. Ha come principio di permettere al broker di prelevare soltanto lo spread e nient’altro passando gli ordini dei broker in maniera sistematica.

Sebbene oggi la maggior parte dei broker dichiarino il rispetto dell’STP nei loro piani di comunicazione, questa regola li mette in una situazione delicata di fronte alla concorrenza. In effetti un broker che rispetterà questa carta alla lettera non potrà ottenere dei guadagni che sugli spread dei suoi clienti. Ora, per realizzare dei veri profitti, dovrà privilegiare le transazioni importanti perché il valore di un pip dipende principalmente dal numero di unità trattate. Un’altra soluzione più facile da mettere in opera è prelevare degli spread più significativi. Ciò nonostante poichè la moltiplicazione delle piattaforme di trading on line è costante, la concorrenza è spietata e i broker che attirano più trader sono quelli che prelevano le spese più basse sulle transazioni.

È questa incompatibilità che oggi fa molto rumore nell’ambito del Forex. Come legare redditività e onestà in queste circostanze?

È quindi essenziale, quando incontrate un broker che vi propone degli spread molto bassi, verificare se quest’ultimo rispetti correttamente le norme STP.

Cominciate a trattare da subito!

Ad oggi la maggior parte dei broker rispettano l’STP e non fanno guadagni indebiti sui conti dei loro clienti. Potete quindi investire ad occhi chiusi sulle piattaforme di trading regolamentate dalle autorità europee o italiane.

 

Facebook Commenti

Condividi articolo

Related Posts

Create Account



Log In Your Account