Scalping

Scalping: introduzione ed origine della tecnica

Sebbene già Sciti, Cinesi, Giapponesi e Samoiedi usassero asportare il cuoio capelluto dai cadaveri dei propri nemici come gesto dalla fortissima valenza simbolica, sono gli Indiani d’America ad essere passati alla storia come i più famosi “scalpers” di sempre! Siamo certi infatti che anche tu abbia già sentito parlare di questa pratica, se non sui libri di storia, certamente in qualche film che narra del far west e della conquista delle amariche da parte dei colonizzatori occidentali.

Le antiche popolazioni adottavano questa pratica perchè ritenevano che il possesso dello scalpo (dall’inglese scalp: “cuoio capelluto”) del nemico ucciso in battaglia non avesse soltanto la funzione di dimostrare il valore del guerriero che ha sopraffatto il nemico, ma anche un modo per impadronirsi delle doti della vittima, che privo del proprio crine non avrebbe più potuto nuocere, neanche dall’al di là. Lo scalpo era considerato un trofeo di guerra e la sua asportazione si sostanziava in un vero e proprio rituale magico pregno di significati simbolici.

Coloro che a partire dall’inizio della nostra epoca si fregiarono per primi del titolo di Scalpers nell’ambito del trading, non avevano certo intenzione di rievocare la natura cruenta dell’atto dello “scalping”, ma intendevano semplicemente indicare il proprio stile di trading, ovvero scalpare significava, tutt’ora significa, portare via al mercato (con una scalpata) un piccolo profitto veloce.

Scalping significato della tecnica di trading

Lo scalping può essere considerato a tutti gli effetti l’ultimo ritrovato in fatto di trading “estremo”. In fin dei conti si tratta di una metodologia piuttosto semplice, ma nel contempo fortissimamente speculativa sui mercati finanziari, caratterizzata da grande velocità. Fare scalping significa in definitiva fare operazioni molto veloci con un margine di rischio strettamente controllato ed in genere molto basso.

Come già saprai, in generale, fare trading comprende la capacità di fare diversi tipi di analisi sui mercati finanziari, bene, lo scalping è un metodo che può essere considerato trasversale a tutte le analisi perchè può richiederle tutte, ma anche nessuna in particolare. Molto spesso gli scalpers si fanno beffe anche dell’analisi tecnica tradizionale, non fanno previsioni operative, ma soprattutto non tengono in nessun caso aperta una posizione overnight, in realtà per uno scalper anche una posizione che viene tenuta aperta intraday è quasi follia.

Lo stile dello scalper comprende diversi vantaggi sostanziali per chiunque voglia adottarlo per i propri investimenti. Uno scalper non è interessato al trend di fondo del mercato, a lui non importa in quale fase si trovi il mercato, se toro oppure orso, tantomeno gli interessa se il trend è rialzista o ribassista. Lo scalping è speculazione allo stato puro e tutto ciò che interessa ad uno scalper è posizionarsi nella radura a testa bassa, pronto ad aggredire con il massimo della veemenza la propria preda sul mercato, ovvero tutte quelle chiare opportunità di piazzare ordini eseguiti entrando a mercato in maniera fulminea per poi sparire altrettanto velocemente.

Molti traders che operano in maniera più tradizionale invidiano lo scalper perchè in effetti sembrerebbe che solo un mago, un divinatore, sia in grado di prevedere con tanta precisione quella che sarà la direzione del mercato nei prossimi secondi ed agire di conseguenza, sempre (o quasi) nel modo giusto, con estrema precisione e coerenza, ma la realtà è ben diversa. Nello scalping non vi è nulla di magico, tantomeno si può parlare di fortuna, ciò che conta come sempre sono la pratica e l’allenamento.

In vero c’è molta rivalità tra i puri scalpers e gli analisti tecnici. Come abbiamo detto molto spesso lo scalper sembra poter fare a meno delle forme classiche dell’analisi tecnica, mentre per le sue controparti la cosa è impossibile, anche solo per attenersi al trading intraday. Se lo strumento principe dello scalping è il “book” (elenco dei compratori e venditori) un analista tecnico può avvalersene insieme agli indicatori grafici che è solito utilizzare, mentre lo scalper può scegliere, come effettivamente accade molto spesso, di basarsi unicamente sul book per fare i propri investimenti.

Mentre il principale vantaggio degli scalpers per essi resta il fatto di poter fare delle entrate e delle uscite dal mercato con un rischio quasi trascurabile, gli analisti tecnici si vantano di lasciare soltanto le briciole, in termini di profitto, agli scalpers. Ma al di la delle chiacchiere si può concludere semplicemente che esistono diverse “vie del trading” ognuna delle quali ha un propria efficacia. Ogni trader deve solo determinare quale sia l’approccio ad esso più congeniale per portare a casa il risultato a cui tutti aspirano (scalpers, traders intraday e traders long term): il profitto più grande e costante nel tempo possibile.

Vantaggi dello scalping

Se sei qui tra le varie tipologie e stili di investimento di sicuro sei tra coloro che desiderano fare guadagni sul breve e brevissimo termine ecco perchè vogliamo metterti sotto gli occhi tutti quelli che sono i principali vantaggi del fare scalping, una tecnica che non viene apprezzata da tutti i traders ma che obiettivamente sa offrire svariati aspetti positivi per chiunque intenda utilizzarla. Ecco quali sono i più grandi vantaggi dello scalping:

Entrate giornaliere: se c’è una tipologia di trading che può soddisfare grandemente coloro che vogliono avere una percezione costante dei guadagni che vanno accumulando di operazione in operazione, questa è lo scalping. Lo scalper può operare finanche centinaia di eseguiti al giorno entrando a mercato ed uscendone al massimo qualche minuto dopo con un profitto, più e più volte. Questo implica avere una percezione reale e costante di quello che si sta guadagnando. Uno scalper di buon livello può arrivare a ricavare anche centinaia di euro al giorno sempre se vi sono condizioni favorevoli sui mercati. Diciamo però che mediamente lo scalper può aspirare a cifre realistiche tra i 50 ed i 100€ al giorno adottando buone strategie di scalping.

Rischi bassi: tra tutte le tipologie di trading, lo scalping, pur essendo una tipologia di trading non poco impegnativa è quella che sa garantire eccellenti margini di gestione del rischio. Uno scalper navigato non subisce perdite significative perchè tutte le volte che un trade non è sulla strada giusta è pronto a chiuderlo tempestivamente e senza esitazioni. Con lo scalping in tuo capitale è sempre al sicuro perchè tutto ciò che si rischia sono pochissimi pips alla volta dopo di che è necessario chiudere la posizione e trarsi intelligentemente fuori da una posizione che non promette nulla di buono.

Operatività garantita sempre: il trading normalmente richiede che il mercato sia in trend. Sia che ti piaccia investire nell’intraday “classico” sia che tu preferisca aprire posizioni di lungo termine sul mercato, hai sempre bisogno che il mercato ti abbia chiarito le sue intenzioni in fatto di direzionalità. Nello scalping trading tutto questo non conta e questo è un vantaggio assoluto. Facendo scalping si può operare SEMPRE, non conta che il mercato sul quale operi sia in trend rialzista o ribassista, addirittura non conta neanche se ti trovi in fase laterale, con lo scalping si guadagna poco per ogni eseguito, ma si guadagna sempre, anche dalle più piccole oscillazioni del mercato che non vengono nemmeno percepite dagli altri traders che operano secondo stili differenti.

Scalping Forex

Lo scalping è una tecnica che può essere applicata veramente su qualsiasi tipo di mercato, ma sicuramente lo scalping su Forex è uno dei più apprezzati e gettonati dai traders. Il mercato Forex, infatti, che è caratterizzato da una fortissima liquidità ed anche una notevole volatilità, è in grado di offrire continuamente nuovi spunti operativi agli scalper. Se vuoi iniziare a fare scalping farlo sul Forex è decisamente una buona idea anche se richiede una buona dose di disciplina e concentrazione.

Buona norma per fare scalping Forex è quella di iniziare la mattina presto intorno alle 9.00 per monitorare le condizioni del mercato, poi si inizia controllando molto spesso il book, analizzando i grafici con particolare riguardo alle candele giapponesi. Con lo scalping sul Forex l’operatività può protrarsi anche lungo tutto l’arco della giornata, con un atteggiamento accorto ed investimenti senza rischi particolari si può chiudere la sessione di trading con risultati veramente soddisfacenti.

Particolare riguardo va dato agli orari in cui le diverse sessioni delle borse internazionali sono attive contemporaneamente, in questi casi la grande liquidità circolante sui mercati si tramuta in occasioni da sfruttare per lo scalper. Ad esempio è molto importante tutte le sere intorno alle 22.00 dare uno sguardo alla chiusura del mercato USA, il più importante in assoluto perchè riguarda, ovviamente, il dollaro, questo può aiutare a capire come impostare una strategia di investimento per la mattinata successiva.

Ecco una lista di dati da conoscere per fare scalping sul Forex e massimizzare i profitti:

  • Orari di apertura e chiusura delle maggiori piazze finanziarie.
  • Accavallamenti di mercati aperti in piazze finanziarie differenti.
  • Differenze di fuso orario.
  • Orari applicati sulla piattaforma con cui operi.
  • E’ importante sapere quando i mercati sono particolarmente attivi, generalmente nelle prime e ultime ore di apertura, praticamente durante gli orari di contemporanea apertura di più piazze finanziarie.  I mercati subiscono delle variazioni quando le notizie sugli indici macroeconomici vengono comunicate, questo avviene quasi sempre durante le prime ore del giorno. Sebbene queste non siano notizie fondamentali per lo scalper, i dati macroeconomici causano comunque movimenti sul mercato che anche lo scalper può sfruttare indirettamente.

 

Facebook Commenti

Condividi articolo

Create Account



Log In Your Account