Analisi Settimanale del 27 maggio il Crollo del grezzo

Analisi Settimanale del 27 maggio il Crollo del grezzo

Il valore dell’oro è sceso lievemente venerdì 25 maggio successivamente aver superato il livello di $ 1,300 l’oncia nella giornata precedente.

La sua salita è stata innescata da parte di acquisti di riparo sicuro dopo la decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di indire un meeting con il leader nordcoreano Kim Jong Un.

Già Venerdì, l’oro era a US $ 1,304.20 – in incremento di US $ 18 confronto allo stesso periodo della scorsa settimana. L’oro è sulla buona via per speculare settimanalmente grazie alle continue tensioni geopolitiche.

“È naturale che certi profitti si realizzino successivamente un’impennata dei prezzi. Ciononostante, l’oro sembra stare ancorato nella zona US $ 1.300, soprattutto con il nuovo sviluppo delle tensioni geopolitiche“, ha detto a Reuters l’analista OCBC Barnabas Gan .

“La sostenuta indecisione sui negoziati USA-Corea del Nord presumibilmente aggiungerà un successivo rincaro ai prezzi dell’oro in stima della domanda di rifugio sicuro”, ha aggiunto.

È apprezzabile annotare che alcuni osservatori del mercato ritengono che l’oro fosse destinato a prosperare a prescindere dall’iniziativa di Trump in circostanza dell’incontro programmato in Corea del Nord.

“I Traders e gli investitori amano ricercare le ragioni per cui i mercati si svendono o vanno in Rally, tuttavia il fatto è che l’oro era tecnicamente maturo per crescere, il che è perfettamente ciò che ha fatto. Ricorda, tutti i mercati si scambiano tecniche e circolazione di denaro, non le notizie. Segui il sentiment del mercato, il quale ti anticipa le notizie dapprima che escano “, ha sopraddetto Todd Horwitz in un post di Kitco.

Esattamente come l’oro, l’argento è calato venerdì, ma ha guadagnato nella settimana dato che la domanda di rifugio certo è cresciuta sulla scia di crescenti preoccupazioni geopolitiche.

Oltre alla decisione di Trump nella Corea del Nord, il metallo bianco è stato altresì potenziato dalle sue minacce di dettare tariffe alle importazioni di automobili. Ciò ha suscitato critiche sia all’estero che in casa, causando condizioni instabili.

Stando a Reuters, i membri del Partito repubblicano di Trump hanno avveduto di danni all’industria e hanno rianimato la veduta di una guerra commerciale globale che potrebbe nuocere gli interessi americani.

Benché il metallo bianco si sia attutito venerdì mattina, come l’oro, ha in ogni modo concluso con un guadagno settimanale, scambiato a US $ 16,60 l’oncia.

A terminare la settimana dei metalli è il rame, che è scivolato nel corso della settimana, invece l’ottimismo sui colloqui commerciali tra Cina e Stati Uniti è dissolto. “Se si entra in un periodo in cui l’accrescimento del commercio rallenta, dunque è una brutta notizia per l’economia cinese”, ha sopraddetto l’analista di materie prime di Oxford Economics, Daniel Smith.

“I rischi legati a molte di queste cose sono indubbiamente superiori a quelli di qualche mese fa”, ha aggiunto. Il metallo base era a $ 3,09 per libbra questo venerdì.

Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono crollati questa settimana dopoché l’ Arabia Saudita e la Russia hanno manifestato di esser pronti ad attenuare i cordoli delle forniture; questi tagli hanno contribuito a incalzare i prezzi del petrolio ai massimi livelli dal 2014.

I leader dell’OPEC dovrebbero avere un incontro a Vienna il 22 giugno per considerare di invertire il calo della lavorazione, che ha rimosso 1,8 milioni di barili al giorno dal mercato complessivo. Le nazioni ricche di petrolio discuteranno altresì della produzione in salita.

“Questa disputa sulla probabile fornitura dell’OPEC aumenta di attenzione dopo che la riunione di giugno ha frenato il prezzo del petrolio per il momento, dunque $ 80 è un grande impedimento da superare”, ha detto al Globe and Mail lo stratega di Commarzbank (OTCMKTS: CRZBY ) Carsten Fritsch .

“Nel caso che i prezzi arrivano al di sopra, ci saranno acquisti tanto intensi e aumenterà l’eventualità che l’OPEC faccia qualcosa … Sarà alquanto duro superare questo livello su una base ragionevole prima della riunione dell’OPEC”, ha annesso. Venerdì i prezzi del petrolio erano a $ 68,65 al barile.


Facebook Commenti

Condividi articolo

Related Posts

Create Account



Log In Your Account