Facebook batte le stime nonostante i recenti problemi. Possibili opportunità di trading

Facebook batte le stime nonostante i recenti problemi. Possibili opportunità di trading

 

Facebook non ha avuto molto successo nelle ultime settimane perché le sue azioni sono state afflitte dallo scandalo relativo a una perdita di dati. Di conseguenza, il titolo è crollato di quasi il 20% durante la seconda metà dell’anno, ma sembra che i guadagni del primo trimestre non siano stati influenzati.
Facebook ha riportato l’EPS a $ 1,69 e le entrate totali a $ 11,97 miliardi sono entrambe ben al di sopra delle stime, indicando rispettivamente $ 1,35 e $ 11,4 miliardi. L’utile netto è cresciuto a $ 4,988 miliardi da $ 3,064 miliardi del corrispondente periodo dello scorso anno e, di conseguenza, il margine operativo è migliorato dal 41% al 46%.
Il numero di utenti attivi giornalieri ha soddisfatto le aspettative e ammontava a 1,45 miliardi mentre gli utenti attivi mensili ammontavano a 2,2 miliardi in linea con le stime. La società non ha solo battuto le aspettative, ma ha anche fatto un notevole miglioramento rispetto ai primi tre mesi del 2017 quando l’EPS era solo $ 1,04 su un fatturato di $ 8,03 miliardi. Il rendiconto finanziario è stato rilasciato dopo la campana finale di mercoledì quindi qualsiasi risposta al prezzo nel mercato del contante dovrebbe arrivare questo pomeriggio.
Si prevede che il titolo inizierà il trading di oggi molto più alto e, in tal caso, potrebbe supportare il NASDAQ (US100) che ieri ha chiuso al di sopra della sua fondamentale linea di supporto.

Il NASDAQ si è tenuto al di sopra della sua 150DMA di mercoledì, che in passato è servito da supporto per i tori. Se l’indice dovesse rimbalzare oggi alimentato da guadagni ottimistici, potrebbe portare a una mossa oltre i 6640 punti a portare un altro pullback verso l’alto. 

Mentre tutti i principali indici di Wall Street si sono chiusi quasi in piano (solo gli Stati Uniti hanno concluso una tacca sotto la linea piatta) le azioni asiatiche hanno perso terreno.
I benchmark cinesi sono diminuiti di quasi l’1% ciascuno, mentre il giapponese NIKKEI (JAP225) ha chiuso lo 0,5% in più.

Altrove sul fronte valutario si può notare che il biglietto verde ha restituito alcuni dei guadagni realizzati finora questa settimana, ma non troppo per essere onesti. Il dollaro australiano è tra le migliori valute del G10 al mattino in quanto ha ottenuto i numeri positivi relativi alle ragioni di scambio per il primo trimestre. Vale a dire, l’indice dei prezzi all’importazione è cresciuto del 2,1% su base trimestrale mentre l’indice dei prezzi all’esportazione è cresciuto del 4,9%, entrambi risultati migliori delle previsioni. Tutto sommato, significa che la ragione di scambio è migliorata agendo a favore del dollaro australiano.

Nel primo trimestre l’australiano è migliorato, il che potrebbe essere positivo per AUD.

Infine, diamo un’occhiata al grafico sottostante che suggerisce che i tori AUD hanno molto da fare per cambiare un trend ribassista a breve termine dopo che la coppia ha rotto una linea di tendenza a lungo termine pochi giorni fa.

Fino a quando la forza del dollaro USA persiste è improbabile che la coppia possa risalire sopra 0,7630, ma prima o poi l’USD dovrebbe perdere la trazione, e quindi l’australiano potrebbe prendere un respiro. Ad ogni modo, i primi orsi di supporto potrebbero mirare potrebbero essere localizzati nelle vicinanze di 0.7500.

Fino ad ora non c’è stato alcun sollievo per l’australiano, la prima opportunità di acquisto potrebbe arrivare a circa 0,7500 da un punto di vista tecnico.

Facebook Commenti

Condividi articolo

Related Posts

Create Account



Log In Your Account